News

News

26 Febbraio, 2020

... Mostra tuttoMostra meno

24 Febbraio, 2020

... Mostra tuttoMostra meno

Comment on Facebook

Questa foto è bellissima! 😉👌👌👌

24 Febbraio, 2020

Giuseppe Tatarella, Camera dei Deputati 1996
Archivio Istituto Luce www.archivioluce.com
... Mostra tuttoMostra meno

Giuseppe Tatarella, Camera dei Deputati 1996 
Archivio Istituto Luce www.archivioluce.com

23 Febbraio, 2020

FIGLI D'ITALIA.
La presentazione del libro di Luca Telese con Fabrizio Tatarella, Giorgia Meloni e Salvatore Tatarella
(Archivio Manifesti Fondazione Tatarella)
... Mostra tuttoMostra meno

FIGLI DITALIA.
La presentazione del libro di Luca Telese con Fabrizio Tatarella, Giorgia Meloni e Salvatore Tatarella 
(Archivio Manifesti Fondazione Tatarella)

19 Febbraio, 2020

Le tessere di Salvatore Tatarella della Giovane Italia e del Movimento Sociale Italiano, fino ad Alleanza Nazionale saranno parte integrante della mostra sui personaggi della destra italiana #lavoriincorso 🇮🇹 ... Mostra tuttoMostra meno

Le tessere di Salvatore Tatarella della Giovane Italia  e del Movimento Sociale Italiano, fino ad Alleanza Nazionale saranno parte integrante della mostra sui personaggi della destra italiana #LavoriInCorso 🇮🇹

Comment on Facebook

Bei ricordi.. Grazie Pasquale Piemontese mattinata

www.edizionithule.it dal 1971 a Palermo da evidenziare

18 Febbraio, 2020

Si lavora nella sala lettura Araldo di Crollalanza per la mostra su Giuseppe Prezzolini e sui personaggi storici della destra italiana. ... Mostra tuttoMostra meno

Si lavora nella sala lettura Araldo di Crollalanza per la mostra su Giuseppe Prezzolini e sui personaggi storici della destra italiana.

17 Febbraio, 2020

Vi ricordiamo che il prestito libri della Biblioteca Tatarella è sempre attivo, potete contattarci attraverso la pagina facebook per richiedere il libro individuandolo sul sito www.isbn.it/ ... Mostra tuttoMostra meno

Vi ricordiamo che il prestito libri della Biblioteca Tatarella è sempre attivo, potete contattarci attraverso la pagina facebook   per richiedere il libro individuandolo sul sito https://www.isbn.it/

16 Febbraio, 2020

Padova. Meeting delle Fondazioni e centri studi di area per parlare di cultura di destra. Per la Fondazione Tatarella è intervenuto Fabrizio Tatarella. ... Mostra tuttoMostra meno

Padova. Meeting delle Fondazioni e centri studi di area per parlare di cultura di destra. Per la Fondazione Tatarella è intervenuto Fabrizio Tatarella.Image attachmentImage attachment

15 Febbraio, 2020

Meeting delle Fondazioni e dei Centri Studio di Destra sul tema "Destra, cultura e identità". Con Isabella Rauti, Adolfo Urso, Fabrizio Tatarella e Roberto Menia. ... Mostra tuttoMostra meno

Meeting delle Fondazioni e dei Centri Studio di Destra sul tema Destra, cultura e identità. Con Isabella Rauti, Adolfo Urso, Fabrizio Tatarella e  Roberto Menia.

15 Febbraio, 2020

L'attestato della sezione del Movimento Sociale Italiano Destra - Nazionale di Polignano a Mare ( BA ) conferita a Giuseppe Tatarella per aver militato nel MSI - DN come consigliere comunale.
Archivio Tatarella 1987
... Mostra tuttoMostra meno

Lattestato della sezione del Movimento Sociale Italiano Destra - Nazionale di Polignano a Mare ( BA ) conferita a Giuseppe Tatarella per aver militato nel MSI - DN come consigliere comunale.
Archivio Tatarella 1987

15 Febbraio, 2020

Salvatore Tatarella con i ragazzi dell'istituto Real Levante di Bari. Natale 2010 #archiviotatarella ... Mostra tuttoMostra meno

Salvatore Tatarella con i ragazzi dellistituto Real Levante di Bari. Natale 2010 #ArchivioTatarella

14 Febbraio, 2020

VERSO LA MOSTRA SU GIUSEPPE PREZZOLINI
«L'Italia va avanti perché ci sono i fessi. I fessi lavorano, pagano, crepano. Chi fa la figura di mandare avanti l'Italia sono i furbi, che non fanno nulla, spendono e se la godono»
(da Codice della vita italiana, capitolo I, "Dei furbi e dei fessi")

Nato "per caso" (come amava dire) a Perugia da genitori senesi, Giuseppe Prezzolini si trova, dato il mestiere del padre Luigi (rivestiva la carica di prefetto), a spostarsi di città in città. Perde la madre, Emilia Pianigiani, ad appena tre anni. Il suo rendimento scolastico è ottimo nonostante i frequenti cambi di sede. Malgrado ciò, nel 1898 abbandona gli studi liceali e prosegue la formazione studiando privatamente nella fornita biblioteca del padre. A Firenze conosce Giovanni Papini, da cui lo separa un solo anno di età. Nasce una duratura amicizia. L'anno seguente Prezzolini perde il padre. Tra il 1900 e il 1905 compie numerosi viaggi in Francia; perfeziona il francese a Grenoble. Nel 1903, ad appena 21 anni, inizia l'attività di giornalista ed editore: assieme a Papini fonda a Firenze la rivista culturale Leonardo, pubblicata fino al 1908. Ebbe anche uno scambio di lettere con Giuseppe Ungaretti.

La missione della Voce
"La credenza d'essere dei rivoluzionari ci ha trattenuto (almeno per conto mio posso ben confessarlo) dall'agire più efficacemente. Abbiamo avuto più ritegno nel metterci in contatto con le forze operanti del paese. Abbiamo avuto un certo pudore di solitudine e di separazione. Non dico che bisogni cambiare strada addirittura. Ma occorre tener meno al valore della protesta e più a quello del fare... La cosa principale è acquistare le cognizioni tecniche per il rinnovamento dei congegni, degli organismi, delle tendenze alle quali siamo più vicini e nelle quali c'è più facile operare. Il municipio; la biblioteca comunale; le ferrovie; la scuola; le biblioteche pubbliche; i giornali; l'organismo finanziario; i paesi di lingua italiana soggetti ad altre nazioni; i paesi dove si dirige l'emigrazione; gli uffici pubblici; il clero; le organizzazioni operaie... Ecco mille oggetti del cui modo di funzionare, corretto o scorretto, dobbiamo mentalmente impadronirci, per potere, nel momento opportuno, proporre una riforma chiara, offrire la nostra persona, determinare un movimento di opinione che provochi un mutamento."
Prezzolini, Che fare?, «La Voce», anno II, n. 28, del 23 giugno 1910.

Collabora a Il Regno (1903-1906). Nel 1904 scrive la Prefazione-Manifesto della nuova rivista Hermes di Enrico Corradini. In questo periodo pubblica i suoi primi scritti e conosce Benedetto Croce, che influenza profondamente il suo pensiero. Nel 1905 si sposa con la milanese Dolores Faconti e si trasferisce a Perugia. Successivamente trascorre alcuni periodi a Parigi, dove entra in contatto con alcuni grandi uomini della cultura francese del tempo, fra cui Georges Sorel ed Henri Bergson. Tornato in Italia, nel 1908 fonda La Voce, rivista da lui diretta fino al dicembre 1913, e che durante il suo periodo di esistenza (verrà pubblicata fino al 1916) spazierà su temi legati alla letteratura, politica e società.

La rivista incontra grande successo e avrà tra i suoi collaboratori numerose personalità di spicco dell'Italia del tempo. Prezzolini continua anche l'attività di editore: fonda la Libreria della Voce, casa editrice gestita dallo stesso gruppo di intellettuali de La Voce. Nel 1911 nasce il primo figlio, Alessandro. Nel 1914 lascia la direzione de La Voce e si trasferisce a Roma, dove lavora come corrispondente de Il Popolo d'Italia (giornale fondato da B. Mussolini in opposizione alle posizioni neutraliste assunte dal Partito Socialista nei confronti della Prima guerra mondiale). Nel 1915, nell'imminenza della nascita del secondo figlio, Giuliano (1915-2014)[3], ritorna a Firenze. Dirige La Voce. Edizione politica. L'Italia è in guerra e Prezzolini si arruola volontario.

Svolge l'incarico di istruttore delle truppe. Dopo la disfatta di Caporetto fa domanda per andare al fronte. Nel 1918 è con gli arditi sul monte Grappa e sul Piave. Al termine del conflitto ricopre il grado di capitano del Regio Esercito. Nel 1919 fonda a Roma la «Società Anonima Editrice "La Voce"», con annesso l'Istituto Bibliografico Italiano, struttura di consulenza biografica e editoriale. Nel settembre 1922 (siamo a un mese dalla marcia su Roma), Prezzolini scrive una lettera, pubblicata su La Rivoluzione liberale (n. 28, 28 settembre 1922), avanzando l'ipotesi di una Società degli Apoti, cioè di individui liberi, raggruppati tra loro, che non parteggiano, che vogliono differenziarsi dalla vita e dalla malavita pubblica contemporanea per poter valutare l'attualità politica e la cronaca contingente con chiarezza e imparzialità.

Ne nacque un dibattito che coinvolse anche Piero Gobetti (direttore della rivista) e don Luigi Sturzo. Il 28 ottobre il fascismo prende il potere in Italia. Nel 1923 Prezzolini compie il suo primo viaggio negli Stati Uniti, chiamato per un corso estivo alla Columbia University di New York. Nel 1925 è nominato rappresentante per l'Italia presso un'istituzione culturale, l'«Istituto Internazionale della Cooperazione Intellettuale», emanazione della Società delle Nazioni (l'antesignana dell'ONU), nonostante il parere contrario del governo fascista, e si trasferisce a Parigi con la famiglia.

Nell'estate del 1927 ritorna alla Columbia University per altri corsi. Nel 1929 ottiene un incarico annuale presso l'università americana e si trasferisce da Parigi a New York con la famiglia. Assume la direzione della Casa Italiana alla Columbia University. Tornerà in Europa ogni estate fino al 1938 (Nel 1936 trascorre un anno sabbatico in Italia). Frutto del suo lavoro di ricerca sarà il Repertorio bibliografico della storia e della critica della letteratura italiana dal 1903 al 1942, pubblicato nel 1946. Nel gennaio 1940 diventa cittadino americano e dà le dimissioni da direttore della Casa Italiana. Continua ad insegnare alla Columbia University. Nel 1948 l'ateneo newyorchese lo nomina «professore emerito» di italianistica. Tra i suoi allievi c'è la scrittrice italoamericana Anne Paolucci. Nel frattempo ha avviato collaborazioni con alcuni giornali italiani.

Giuseppe Prezzolini
Fin dal dicembre 1945 scrive sul quotidiano romano Il Tempo. Nel 1950 è uno dei primi collaboratori del nuovo periodico Il Borghese, di Leo Longanesi. Nel 1955 torna in Italia per allacciare rapporti con i quotidiani La Nazione e il Resto del Carlino, e soprattutto con case editrici, ai fini della pubblicazione delle sue opere nella penisola. Nel 1962 muore la prima moglie, dalla quale è separato da più di vent'anni. Si risposa con Gioconda "Jackie" Savini e lascia definitivamente gli Stati Uniti dopo oltre 25 anni di permanenza. Torna in Italia e si stabilisce a Vietri sul Mare, sulla costiera amalfitana.

Si trasferisce nel 1968 a Lugano, in Svizzera perché, dirà, non sopporta la burocrazia, la corruzione, la furbizia, la scioperomania, l'eccesso di stato sociale, la mediocrità della classe politica. Nel 1981 muore la seconda moglie. Il 27 gennaio 1982 Prezzolini compie cent'anni. Quell'anno riceve dal capo dello Stato Pertini in una cerimonia al Quirinale la "Penna d'oro". A Montanelli dice: "Se vado in bolletta, la vendo". Muore il 14 luglio dello stesso anno.

Tra le sue opere maggiori: i memoriali Dopo Caporetto (1919) e Vittorio Veneto (1920); diversi saggi, come La cultura italiana (scritto con Giovanni Papini, 1906) e le opere del periodo americano (America in pantofole, 1950; L'italiano inutile, 1953) e il Manifesto dei conservatori e le quattro biografie su Giovanni Papini, Benito Mussolini, Giovanni Amendola e Benedetto Croce.
... Mostra tuttoMostra meno

VERSO LA MOSTRA SU GIUSEPPE PREZZOLINI 
«LItalia va avanti perché ci sono i fessi. I fessi lavorano, pagano, crepano. Chi fa la figura di mandare avanti lItalia sono i furbi, che non fanno nulla, spendono e se la godono»
(da Codice della vita italiana, capitolo I, Dei furbi e dei fessi)

Nato per caso (come amava dire) a Perugia da genitori senesi, Giuseppe Prezzolini si trova, dato il mestiere del padre Luigi (rivestiva la carica di prefetto), a spostarsi di città in città. Perde la madre, Emilia Pianigiani, ad appena tre anni. Il suo rendimento scolastico è ottimo nonostante i frequenti cambi di sede. Malgrado ciò, nel 1898 abbandona gli studi liceali e prosegue la formazione studiando privatamente nella fornita biblioteca del padre. A Firenze conosce Giovanni Papini, da cui lo separa un solo anno di età. Nasce una duratura amicizia. Lanno seguente Prezzolini perde il padre. Tra il 1900 e il 1905 compie numerosi viaggi in Francia; perfeziona il francese a Grenoble. Nel 1903, ad appena 21 anni, inizia lattività di giornalista ed editore: assieme a Papini fonda a Firenze la rivista culturale Leonardo, pubblicata fino al 1908. Ebbe anche uno scambio di lettere con Giuseppe Ungaretti.

La missione della Voce
La credenza dessere dei rivoluzionari ci ha trattenuto (almeno per conto mio posso ben confessarlo) dallagire più efficacemente. Abbiamo avuto più ritegno nel metterci in contatto con le forze operanti del paese. Abbiamo avuto un certo pudore di solitudine e di separazione. Non dico che bisogni cambiare strada addirittura. Ma occorre tener meno al valore della protesta e più a quello del fare... La cosa principale è acquistare le cognizioni tecniche per il rinnovamento dei congegni, degli organismi, delle tendenze alle quali siamo più vicini e nelle quali cè più facile operare. Il municipio; la biblioteca comunale; le ferrovie; la scuola; le biblioteche pubbliche; i giornali; lorganismo finanziario; i paesi di lingua italiana soggetti ad altre nazioni; i paesi dove si dirige lemigrazione; gli uffici pubblici; il clero; le organizzazioni operaie... Ecco mille oggetti del cui modo di funzionare, corretto o scorretto, dobbiamo mentalmente impadronirci, per potere, nel momento opportuno, proporre una riforma chiara, offrire la nostra persona, determinare un movimento di opinione che provochi un mutamento.
Prezzolini, Che fare?, «La Voce», anno II, n. 28, del 23 giugno 1910.

Collabora a Il Regno (1903-1906). Nel 1904 scrive la Prefazione-Manifesto della nuova rivista Hermes di Enrico Corradini. In questo periodo pubblica i suoi primi scritti e conosce Benedetto Croce, che influenza profondamente il suo pensiero. Nel 1905 si sposa con la milanese Dolores Faconti e si trasferisce a Perugia. Successivamente trascorre alcuni periodi a Parigi, dove entra in contatto con alcuni grandi uomini della cultura francese del tempo, fra cui Georges Sorel ed Henri Bergson. Tornato in Italia, nel 1908 fonda La Voce, rivista da lui diretta fino al dicembre 1913, e che durante il suo periodo di esistenza (verrà pubblicata fino al 1916) spazierà su temi legati alla letteratura, politica e società.

La rivista incontra grande successo e avrà tra i suoi collaboratori numerose personalità di spicco dellItalia del tempo. Prezzolini continua anche lattività di editore: fonda la Libreria della Voce, casa editrice gestita dallo stesso gruppo di intellettuali de La Voce. Nel 1911 nasce il primo figlio, Alessandro. Nel 1914 lascia la direzione de La Voce e si trasferisce a Roma, dove lavora come corrispondente de Il Popolo dItalia (giornale fondato da B. Mussolini in opposizione alle posizioni neutraliste assunte dal Partito Socialista nei confronti della Prima guerra mondiale). Nel 1915, nellimminenza della nascita del secondo figlio, Giuliano (1915-2014)[3], ritorna a Firenze. Dirige La Voce. Edizione politica. LItalia è in guerra e Prezzolini si arruola volontario.

Svolge lincarico di istruttore delle truppe. Dopo la disfatta di Caporetto fa domanda per andare al fronte. Nel 1918 è con gli arditi sul monte Grappa e sul Piave. Al termine del conflitto ricopre il grado di capitano del Regio Esercito. Nel 1919 fonda a Roma la «Società Anonima Editrice La Voce», con annesso lIstituto Bibliografico Italiano, struttura di consulenza biografica e editoriale. Nel settembre 1922 (siamo a un mese dalla marcia su Roma), Prezzolini scrive una lettera, pubblicata su La Rivoluzione liberale (n. 28, 28 settembre 1922), avanzando lipotesi di una Società degli Apoti, cioè di individui liberi, raggruppati tra loro, che non parteggiano, che vogliono differenziarsi dalla vita e dalla malavita pubblica contemporanea per poter valutare lattualità politica e la cronaca contingente con chiarezza e imparzialità.

Ne nacque un dibattito che coinvolse anche Piero Gobetti (direttore della rivista) e don Luigi Sturzo. Il 28 ottobre il fascismo prende il potere in Italia. Nel 1923 Prezzolini compie il suo primo viaggio negli Stati Uniti, chiamato per un corso estivo alla Columbia University di New York. Nel 1925 è nominato rappresentante per lItalia presso unistituzione culturale, l«Istituto Internazionale della Cooperazione Intellettuale», emanazione della Società delle Nazioni (lantesignana dellONU), nonostante il parere contrario del governo fascista, e si trasferisce a Parigi con la famiglia.

Nellestate del 1927 ritorna alla Columbia University per altri corsi. Nel 1929 ottiene un incarico annuale presso luniversità americana e si trasferisce da Parigi a New York con la famiglia. Assume la direzione della Casa Italiana alla Columbia University. Tornerà in Europa ogni estate fino al 1938 (Nel 1936 trascorre un anno sabbatico in Italia). Frutto del suo lavoro di ricerca sarà il Repertorio bibliografico della storia e della critica della letteratura italiana dal 1903 al 1942, pubblicato nel 1946. Nel gennaio 1940 diventa cittadino americano e dà le dimissioni da direttore della Casa Italiana. Continua ad insegnare alla Columbia University. Nel 1948 lateneo newyorchese lo nomina «professore emerito» di italianistica. Tra i suoi allievi cè la scrittrice italoamericana Anne Paolucci. Nel frattempo ha avviato collaborazioni con alcuni giornali italiani.

Giuseppe Prezzolini
Fin dal dicembre 1945 scrive sul quotidiano romano Il Tempo. Nel 1950 è uno dei primi collaboratori del nuovo periodico Il Borghese, di Leo Longanesi. Nel 1955 torna in Italia per allacciare rapporti con i quotidiani La Nazione e il Resto del Carlino, e soprattutto con case editrici, ai fini della pubblicazione delle sue opere nella penisola. Nel 1962 muore la prima moglie, dalla quale è separato da più di ventanni. Si risposa con Gioconda Jackie Savini e lascia definitivamente gli Stati Uniti dopo oltre 25 anni di permanenza. Torna in Italia e si stabilisce a Vietri sul Mare, sulla costiera amalfitana.

Si trasferisce nel 1968 a Lugano, in Svizzera perché, dirà, non sopporta la burocrazia, la corruzione, la furbizia, la scioperomania, leccesso di stato sociale, la mediocrità della classe politica. Nel 1981 muore la seconda moglie. Il 27 gennaio 1982 Prezzolini compie centanni. Quellanno riceve dal capo dello Stato Pertini in una cerimonia al Quirinale la Penna doro. A Montanelli dice: Se vado in bolletta, la vendo. Muore il 14 luglio dello stesso anno.

Tra le sue opere maggiori: i memoriali Dopo Caporetto (1919) e Vittorio Veneto (1920); diversi saggi, come La cultura italiana (scritto con Giovanni Papini, 1906) e le opere del periodo americano (America in pantofole, 1950; Litaliano inutile, 1953) e il Manifesto dei conservatori e le quattro biografie su Giovanni Papini, Benito Mussolini, Giovanni Amendola e Benedetto Croce.

14 Febbraio, 2020

Vignetta Forattini 1995 #archiviotatarella ... Mostra tuttoMostra meno

Vignetta Forattini 1995 #ArchivioTatarella

13 Febbraio, 2020

... Mostra tuttoMostra meno

13 Febbraio, 2020

Sabato 15 febbraio, il vice Presidente della Fondazione Tatarella, Fabrizio Tatarella sarà a Padova per il meeting sulla cultura di Destra. ... Mostra tuttoMostra meno

Sabato 15 febbraio, il vice Presidente della Fondazione Tatarella, Fabrizio Tatarella sarà a Padova per il meeting sulla cultura di Destra.

13 Febbraio, 2020

Alle ore 16, il Presidente della Fondazione Tatarella Francesco Giubilei, sarà in diretta su Russia Today (il più importante canale all news russo) per commentare in inglese l’autorizzazione a procedere del parlamento per il processo a Salvini 📺 ... Mostra tuttoMostra meno

Alle ore 16, il Presidente della Fondazione Tatarella Francesco Giubilei, sarà in diretta su Russia Today (il più importante canale all news russo) per commentare in inglese l’autorizzazione a procedere del parlamento per il processo a Salvini 📺

13 Febbraio, 2020

Articolo de Il Giornale, a firma di Francescobaldo Chiocci #archiviotatarella ... Mostra tuttoMostra meno

Articolo de Il Giornale, a firma di Francescobaldo Chiocci #ArchivioTatarella

13 Febbraio, 2020

Articolo Repubblica Domenica 24 aprile 1994 a firma di Giovanni Valentini #archiviotatarella ... Mostra tuttoMostra meno

Articolo Repubblica Domenica 24 aprile 1994 a firma di Giovanni Valentini #ArchivioTatarella

13 Febbraio, 2020

Si lavora al restauro della mostra su Giuseppe Prezzolini voluta da Pinuccio Tatarella nel 1987 per la prima festa tricolore di Bari. ... Mostra tuttoMostra meno

Si lavora al restauro della mostra su Giuseppe Prezzolini voluta da Pinuccio Tatarella nel 1987 per la prima festa tricolore di Bari.

12 Febbraio, 2020

Roberto Menia visita l'archivio Tatarella e la mostra fotografica su Pinuccio e Salvatore Tatarella. ... Mostra tuttoMostra meno

Roberto Menia visita larchivio Tatarella e la mostra fotografica su Pinuccio e Salvatore Tatarella.

12 Febbraio, 2020

È in corso la presentazione del libro di Roberto Menia sulle #foibe #giornodelricordo 🇮🇹 ... Mostra tuttoMostra meno

È in corso la presentazione del libro di Roberto Menia sulle #Foibe #GiornodelRicordo 🇮🇹

Comment on Facebook

Tiziana Crovella

11 Febbraio, 2020

🔵 Segnaliamo la mostra, curata dall'On. Isabella Rauti, “Cinquant’anni di stampa e propaganda della destra italiana (1945-1995)”, che sarà visitabile fino a lunedì 17 febbraio nella sala Atti parlamentari della Biblioteca del Senato (piazza della Minerva 38)📣 ... Mostra tuttoMostra meno

Comment on Facebook

Alessandro Giorgetta

11 Febbraio, 2020

Un anno fa il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, per la prima volta nella storia della Repubblica, partecipava alle celebrazioni di un uomo di destra presso la Camera dei Deputati. Grazie Presidente ... Mostra tuttoMostra meno

Un anno fa il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, per la prima volta nella storia della Repubblica, partecipava alle celebrazioni di un uomo di destra presso la Camera dei Deputati. Grazie Presidente

10 Febbraio, 2020

In occasione del giorno del ricordo, che ricorre il 10 febbraio, della triste vicenda delle foibe e dell'esodo degli esuli Istriano Dalmati, Nel cuore dei gi... ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

09 Febbraio, 2020

FOIBE: PADRE della LEGGE "GIORNATA DEL RICORDO" ROBERTO MENIA IN FONDAZIONE
Sulla barca calò il silenzio. Mamma e papà piangevano in silenzio. E capii che quella non era una gita”

Il 10 febbraio è la giornata del ricordo delle vittime delle foibe e dell'esodo degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra.
La legge si deve all’impegno di *Roberto Menia* che avremo il piacere di ospitare *mercoledì 12 febbraio alle 19* in Fondazione Tatarella per presentare il suo libro "10 FEBBRAIO. Dalle foibe all'esodo".
... Mostra tuttoMostra meno

FOIBE: PADRE della LEGGE  GIORNATA DEL RICORDO ROBERTO MENIA IN FONDAZIONE
Sulla barca calò il silenzio. Mamma e papà piangevano in silenzio. E capii che quella non era una gita”

Il 10 febbraio è la giornata del ricordo delle vittime delle foibe e dellesodo degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra.
La legge si deve all’impegno di *Roberto  Menia* che avremo il piacere di ospitare  *mercoledì 12 febbraio alle 19* in Fondazione Tatarella per presentare il suo libro 10 FEBBRAIO. Dalle foibe allesodo.

08 Febbraio, 2020

È in corso la Lectio Magistralis di Mario Tozzi ... Mostra tuttoMostra meno

08 Febbraio, 2020

La mostra fotografica sulla vita di Pinuccio e Salvatore Tatarella è permanente. I cittadini potranno visitare e consultare l'archivio fotografico e documentale nelle sale lettura della biblioteca Tatarella intitolate a Giorgio Almirante e ad Araldo di Crollalanza. ... Mostra tuttoMostra meno

08 Febbraio, 2020

Grazie agli amici di TELEBARI e a Barbara Cirillo per questa intervista che racchiude il senso della manifestazione di giovedì e del nostro impegno.il canale youtube di Telebari: telegiornale, servizi, sport, filmati, programmi e tanto altro... ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

08 Febbraio, 2020

Un anno fa alla Camera dei Deputati, alla presenza del Capo dello Stato Sergio Mattarella, veniva ricordato Pinuccio Tatarella nel ventennale della scomparsa. Riproponiamo il servizio del Tg1 ... Mostra tuttoMostra meno

Comment on Facebook

E stato un grandissimo uomo! Oggi non si cpisce più niente di questa. Politica!!!

Quanto mi manca!!

È stato un grande

07 Febbraio, 2020

Durante l'inaugurazione della mostra fotografica permanente sulla vita di Pinuccio e Salvatore Tatarella abbiamo intitolato alcune stanze ad altre autorevoli personalità della storia d'Italia 🇮🇹 #dicrollalanza #Almirante #Tatarella #storia ❤️ ... Mostra tuttoMostra meno

Durante linaugurazione della mostra fotografica permanente sulla vita di Pinuccio e Salvatore Tatarella abbiamo intitolato alcune stanze ad altre autorevoli personalità della storia dItalia 🇮🇹 #DiCrollalanza #Almirante #Tatarella #Storia ❤️

07 Febbraio, 2020

Il servizio di Telebari sulla mostra in ricordo di Pinuccio e Salvatore Tatarellail canale youtube di Telebari: telegiornale, servizi, sport, filmati, programmi e tanto altro... ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

07 Febbraio, 2020

Il servizio di Antenna Sud sulla mostra fotografica dedicata ai fratelli Pinuccio e Salvatore Tatarellayoutube.com ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

07 Febbraio, 2020

... Mostra tuttoMostra meno

07 Febbraio, 2020

Al minuto 9:25, il servizio di Antenna Sud sull'inaugurazione della mostra fotografica permanente sui fratelli Tatarella.youtube.com ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

07 Febbraio, 2020

📣 🔵Appuntamento a domani con Mario Tozzi ... Mostra tuttoMostra meno

📣 🔵Appuntamento a domani con Mario Tozzi

07 Febbraio, 2020

... Mostra tuttoMostra meno

07 Febbraio, 2020

La tradizionale cerimonia di commemorazione con la deposizione di una corona d’alloro ai piedi della lapide in ricordo Pinuccio Tatarella. ... Mostra tuttoMostra meno

La tradizionale cerimonia di commemorazione con la deposizione di una corona d’alloro ai piedi della lapide in ricordo Pinuccio Tatarella.

07 Febbraio, 2020

🔵 Oggi alle ore 10.00, presso l’Autorità Portuale, è prevista la tradizionale cerimonia di commemorazione con la deposizione di una corona d’alloro ai piedi della lapide che ricorda Pinuccio e Salvatore Tatarella. ... Mostra tuttoMostra meno

06 Febbraio, 2020

Il Vice Presidente del Senato Ignazio La Russa inaugura la mostra fotografica permanente sulla vita di Giuseppe e Salvatore Tatarella. ... Mostra tuttoMostra meno

05 Febbraio, 2020

Farla finita col reducismo fascista, costruire un’alternativa liberal-conservatrice. Su Il Foglio di un anno fa Alessandro Campii raccontava una storia diversa, interrotta ventuno anni fa: quella di Pinuccio Tatarella edicola.ilfoglio.it/ilfoglio/pageflip/swipe/ilfoglio/20190205ilfoglio?fbclid=IwAR2a8QQZSvgonWaS8y... ... Mostra tuttoMostra meno

Farla finita col reducismo fascista, costruire un’alternativa liberal-conservatrice. Su Il Foglio di un anno fa Alessandro Campii raccontava una storia diversa, interrotta ventuno anni fa: quella di Pinuccio Tatarella https://edicola.ilfoglio.it/ilfoglio/pageflip/swipe/ilfoglio/20190205ilfoglio?fbclid=IwAR2a8QQZSvgonWaS8ybqgaMAokPWdSUNxkig30ZHuJZs4lDMjnuObxX-trs#/8/

05 Febbraio, 2020

Per inaugurare la mostra fotografica permanente sulla vita dei fratelli Tatarella non potevamo che chiamare un loro grande amico. Vi aspettiamo domani alle 19:30 in Fondazione con Ignazio La Russa ❤️🇮🇹🔥 ... Mostra tuttoMostra meno

Per inaugurare la mostra fotografica permanente sulla vita dei fratelli Tatarella non potevamo che chiamare un loro grande amico. Vi aspettiamo domani alle 19:30 in Fondazione con Ignazio La Russa ❤️🇮🇹🔥

04 Febbraio, 2020

A Roma inizia la conferenza organizzata da Francesco Giubilei - Nazione Futura - Fondazione Tatarella e dalla Edmund Burke Foundation di fronte a più di trecento partecipanti e centocinquanta giornalisti accreditati.
#nationalconservatismconference
... Mostra tuttoMostra meno

A Roma inizia la conferenza organizzata da Francesco Giubilei - Nazione Futura - Fondazione Tatarella e dalla Edmund Burke Foundation di fronte a più di trecento partecipanti e centocinquanta giornalisti accreditati.
#NationalConservatismConference”

Comment on Facebook

Complimenti Francesco Giubilei per il livello della iniziativa

04 Febbraio, 2020

Ricordiamo e condividiamo con voi la presentazione "Imperi paralleli" di Massimo Franco, con l'on. Rocco Buttiglione, il prof. Anton Giulio De Robertis e il giornalista Pino Ricco #2016 #FondazioneTatarella #VillaRomanazziCarducci ... Mostra tuttoMostra meno

03 Febbraio, 2020

Il Presidente della Fondazione Tatarella, Francesco Giubilei introduce Giorgia Meloni al National Conservatism Conference di fronte a centocinquanta tra i politici, intellettuali e giornalisti conservatori più influenti del mondo. ... Mostra tuttoMostra meno

Il Presidente della Fondazione Tatarella, Francesco Giubilei introduce Giorgia Meloni al National Conservatism Conference di fronte a centocinquanta tra i politici, intellettuali e giornalisti conservatori più influenti del mondo.

03 Febbraio, 2020

*ANNIVERSARIO FRATELLI TATARELLA*
Mostra fotografica per ricordare Pinuccio e Salvatore inaugurata da Ignazio La Russa.

La Fondazione Tatarella, in occasione delle ricorrenze della scomparsa di Pinuccio e Salvatore Tatarella, comunica che sono previste le seguenti iniziative.

🔵 *Giovedì 6 febbraio, alle ore 19:00*, a Bari, familiari e amici ricorderanno con una messa in suffragio nella Chiesa di San Ferdinando i fratelli Tatarella.

🔵A seguire, alle 19.30, presso la Fondazione Tatarella una mostra fotografica permanente dedicata alla vita dei due fratelli e al loro impegno di politici, amministratori, giornalisti e uomini al servizio delle istituzioni sarà inaugurata dal Vice Presidente del Senato Ignazio La Russa, grande amico dei Tatarella.

🔵 *Venerdì 7 febbraio alle 10.00* invece, presso l’Autorità Portuale è prevista la tradizionale cerimonia di commemorazione con la deposizione di una corona d’alloro ai piedi della lapide che ricorda Pinuccio e Salvatore Tatarella.
... Mostra tuttoMostra meno

*ANNIVERSARIO FRATELLI TATARELLA*
Mostra fotografica per ricordare Pinuccio e Salvatore inaugurata da Ignazio La Russa.

La Fondazione Tatarella, in occasione delle ricorrenze della scomparsa di Pinuccio e Salvatore Tatarella, comunica che sono previste le seguenti iniziative.

🔵 *Giovedì 6 febbraio, alle ore 19:00*, a Bari, familiari e amici ricorderanno con una messa in suffragio nella Chiesa di San Ferdinando i fratelli Tatarella.

🔵A seguire, alle 19.30, presso la Fondazione Tatarella una mostra fotografica permanente dedicata alla vita dei due fratelli e al loro impegno di politici, amministratori, giornalisti e uomini al servizio delle istituzioni sarà inaugurata dal Vice Presidente del Senato Ignazio La Russa, grande amico dei Tatarella.

🔵 *Venerdì 7 febbraio alle 10.00* invece, presso l’Autorità Portuale è prevista la tradizionale cerimonia di commemorazione con la deposizione di una corona d’alloro ai piedi della lapide che ricorda Pinuccio e Salvatore Tatarella.

02 Febbraio, 2020

L'intervento del Presidente Francesco Giubilei a Omnibus su La 7. "Giorgia Meloni sta facendo un'operazione che è già sta fatta nel '94 nel passare dal Movimento Sociale Italiano ad Alleanza Nazionale su intuizione di Pinuccio Tatarella" ... Mostra tuttoMostra meno

01 Febbraio, 2020

Questo pomeriggio si è svolta la lezione del nostro presidente #FrancescoGiubilei, che ha concluso la quarta edizione del #corso di #formazionepolitica.
Ringraziamo tutti i prestigiosi relatori e i volenterosi ragazzi per aver partecipato con grande interesse, entusiasmo e partecipazione.

Alla prossima edizione !
... Mostra tuttoMostra meno

Questo pomeriggio si è svolta la lezione del nostro presidente #FrancescoGiubilei, che ha concluso la quarta edizione del #Corso di #FormazionePolitica.
Ringraziamo tutti i prestigiosi relatori e i volenterosi ragazzi per aver partecipato con grande interesse, entusiasmo e partecipazione. 

Alla prossima edizione !Image attachmentImage attachment

31 Gennaio, 2020

Questa sera dalle 23.55 il Presidente della Fondazione Tatarella sarà ospite su Rai3 a Linea Notte, si parlerà dell’emergenza Coronavirus e degli ultimi sviluppi della politica italiana 📺 ... Mostra tuttoMostra meno

Questa sera dalle 23.55 il Presidente della Fondazione Tatarella sarà ospite su Rai3 a Linea Notte, si parlerà dell’emergenza Coronavirus e degli ultimi sviluppi della politica italiana 📺

31 Gennaio, 2020

Sostieni la Fondazione Tatarella con un click e aiutaci a coinvolgere un maggior numero di persone su facebook. Grazie ... Mostra tuttoMostra meno

Sostieni la Fondazione Tatarella con un click e aiutaci a coinvolgere un maggior numero di persone su facebook. Grazie

30 Gennaio, 2020

... Mostra tuttoMostra meno

29 Gennaio, 2020

#CiaoSalvatore Una personalità straordinaria.
Ho avuto il privilegio di coltivare un'amicizia vera, durata cinquant'anni.Anche nelle divergenze la stima non è mai venuta meno.Onore ad un galantuomo. Michele Loffredo
... Mostra tuttoMostra meno

29 Gennaio, 2020

Lezione conclusiva del 4° Corso di formazione politica della Fondazione Tatarella con il patrocinio della Fondazione Alleanza Nazionale. Sabato 1 febbraio ore 15:00.
Attualità politica. L' Italia dei conservatori, le sfide culturali e politiche in Italia e in Europa. In cattedra il Prof. Francesco Giubilei. Presidente della Fondazione Tatarella
... Mostra tuttoMostra meno

Lezione conclusiva del 4° Corso di formazione politica della Fondazione Tatarella con il patrocinio della Fondazione Alleanza Nazionale. Sabato 1 febbraio ore 15:00.
Attualità politica. L Italia dei conservatori, le sfide culturali e politiche in Italia e in Europa. In cattedra il Prof. Francesco Giubilei. Presidente della Fondazione Tatarella

29 Gennaio, 2020

#CiaoSalvatore Un grande uomo, eccellente politico e persona eccezionale. Grace Lamanuzzi ... Mostra tuttoMostra meno

29 Gennaio, 2020

#CiaoSalvatore Dicono che sei morto, ma sei sempre vivo in mezzo a noi.Ti voglio bene. Pasquale Piemontese ... Mostra tuttoMostra meno

29 Gennaio, 2020

#CiaoSalvatore "Abbiamo vissuto momenti non facili della Destra Politica, raggiungendo importanti risultati .Sei stato un Protagonista, che continua ad essere presente" Paolo Agostinacchio ... Mostra tuttoMostra meno

29 Gennaio, 2020

#CiaoSalvatore "Grazie alle Sue insistenze tornai a lavorare al gruppo consiliare in Regione. Ho un piacevole ricordo di quel periodo trascorso a stretto contatto con Lui per il suo modo di lavorare molto diverso, a dire il vero, da quello di Pinuccio. Per non parlare del gran lavoro per la campagna elettorale che lo portò a conquistare la "rossa" Cerignola, città alla quale sono legato per tanti motivi affettivi" Giovanni Renna ... Mostra tuttoMostra meno

29 Gennaio, 2020

Continua la fase di archiviazione dei documenti di Pinuccio e Salvatore Tatarella. Da oggi grazie alle nuove dotazioni potremo conservare meglio e rendere maggiormente consultabile la storia della destra italiana nell'archivio della Fondazione Tatarella #storia #destra 📁🗂️🗄️📃📄❤️🔥🇮🇹 ... Mostra tuttoMostra meno

29 Gennaio, 2020

Ricordiamo e condividiamo con voi il Concerto d'Armonia dedicato a Pinuccio Tatarella nel 2014. #beneficenza #musica #arte #cultura #FondazioneTatarella #bari ... Mostra tuttoMostra meno

Ricordiamo e condividiamo con voi il Concerto dArmonia dedicato a Pinuccio Tatarella nel 2014.  #Beneficenza #Musica  #Arte #Cultura #FondazioneTatarella  #Bari

29 Gennaio, 2020

#Prossimo #evento

Sabato #8febbraio, alle ore 18.00, avremo il privilegio di ospitare alla biblioteca della Fondazione,
#MarioTozzi, geologo, divulgatore scientifico e saggista, per la lectio magistralis:
"A QUALCUNO PIACE CALDO
(IL CLIMA): bufale e informazione corretta sul ruolo dei sapiens".

L'ingresso è libero,
Vi aspettiamo
... Mostra tuttoMostra meno

#Prossimo #evento

Sabato #8febbraio, alle ore 18.00, avremo il privilegio di ospitare alla biblioteca della Fondazione,
#MarioTozzi, geologo, divulgatore scientifico e saggista, per la lectio magistralis: 
A QUALCUNO PIACE CALDO 
(IL CLIMA): bufale e informazione corretta sul ruolo dei sapiens.

Lingresso è libero,
Vi aspettiamo

28 Gennaio, 2020

... Mostra tuttoMostra meno

28 Gennaio, 2020

GRAZIE SALVATORE PER CIÒ CHE HAI LASCIATO
"Lo scopo della Fondazione intitolata a mio fratello non e’ politico-contingente, non si pone in un’ottica di polemica con alcuno, nè punta a realizzare chissà quale riavvicinamento tra ‘ex’.Vuole essere un luogo dove tutti coloro che si sono riconosciuti nell’insegnamento di Giuseppe Tatarella possano ritrovarsi, indipendentemente dalle loro collocazioni attuali o future. In poche parole, e per essere chiari: non è un’operazione politica, bensì storica e culturale. L’ideale sarebbe di riuscire a creare un vero e proprio archivio della Destra italiana, fatto di documenti e materiale iconografico, che al momento non c’è. Dopodiché, è chiaro che la Fondazione ospiterà convegni, dibattiti, momenti di confronto. Ed è in quel contesto che non si può escludere alcuno e tutti, se vorranno, parleranno con tutti”.
SALVATORE TATARELLA, 27 Marzo 2012
... Mostra tuttoMostra meno

GRAZIE SALVATORE PER CIÒ CHE HAI LASCIATO
Lo scopo della Fondazione intitolata a mio fratello non e’ politico-contingente, non si pone in un’ottica di polemica con alcuno, nè punta a realizzare chissà quale riavvicinamento tra ‘ex’.Vuole essere un luogo dove tutti coloro che si sono riconosciuti nell’insegnamento di Giuseppe Tatarella possano ritrovarsi, indipendentemente dalle loro collocazioni attuali o future. In poche parole, e per essere chiari: non è un’operazione politica, bensì storica e culturale. L’ideale sarebbe di riuscire a creare un vero e proprio archivio della Destra italiana, fatto di documenti e materiale iconografico, che al momento non c’è. Dopodiché, è chiaro che la Fondazione ospiterà convegni, dibattiti, momenti di confronto. Ed è in quel contesto che non si può escludere alcuno e tutti, se vorranno, parleranno con tutti”.
SALVATORE TATARELLA, 27 Marzo 2012

Comment on Facebook

Salvatore quante belle parole hai seminato.. Grazie Pasquale Piemontese mattinata

"Operazione storica e culturale": meraviglioso!

Ogni volta che ti vedo ciao Salvatore.

28 Gennaio, 2020

Salvatore Tatarella, nato a Cerignola l’11 ottobre del 1947 e scomparso a Bari il 28 gennaio 2017. Avvocato, è stato consigliere comunale, provinciale, regionale, Sindaco, deputato nazionale e parlamentare europeo per 15 anni.

Sin da giovanissimo entra nella organizzazione giovanile della destra italiana, il Fronte della Gioventù, di cui sarà Coordinatore regionale e componente dell’esecutivo nazionale

Esponente del Movimento Sociale Italiano – Destra Nazionale, membro del comitato centrale e della direzione nazionale.

Eletto consigliere comunale di Cerignola ininterrottamente dal 1970 sino alla sua elezione a Sindaco nel 93 fino al 99. Assessore alla Programmazione dal 2004 al 2005. Consigliere comunale dal 2005 al 2009. 34 anni in dedicati alla sua Città. (dal 99 al 2004 è stato consigliere e Vice Sindaco di Bari).

Consigliere provinciale di Foggia con il MSI-DN dal 1980 al 1985.

Viene eletto consigliere regionale della Puglia per il MSI nel 1990 e resterà incarica fino al 1994, dopo essere proclamato Sindaco della sua città.

È stato sindaco stimatissimo della “rossa” Cerignola, terra del fondatore della CGIL Giuseppe Di Vittorio, dal 1993 al 1999. La prima volta, il 5 dicembre del 1993, la sua elezione fu considerata una vera impresa che attirò media nazionali e internazionali, la seconda con un vero plebiscito. Ha lasciato un segno tangibile di buona amministrazione ancora oggi da tutti ricordato come il migliore Sindaco della storia di Cerignola.

Nel giugno del 1994 viene eletto deputato al Parlamento europeo con circa 150.000 preferenze. Dal 1995 è componente della direzione nazionale di Alleanza Nazionale.

Si dimette dall’Europarlamento per candidarsi alle suppletive della Camera dei Deputati del 1999 di Bari, nella circoscrizione rimasta vacante per la morte del fratello Pinuccio. Viene quindi eletto deputato per il Polo per le Libertà e dal 1999 è anche Coordinatore regionale del partito in Puglia.

Nel 1999 viene eletto consigliere comunale di Bari e dal 2003 al 2004 è Vice Sindaco del Capoluogo di Regione.

Nel 2004 viene rieletto deputato al Parlamento europeo con la lista di Alleanza Nazionale nella circoscrizione sud con oltre 52.000 preferenze. Iscritto al gruppo parlamentare Unione per l’Europa delle Nazioni, è stato membro della Delegazione alla commissione parlamentare mista UE-Romania, della Delegazione per le relazioni con i paesi dell’Europa sudorientale, della Delegazione all’Assemblea parlamentare Euromediterranea.

Nel 2009 aderisce insieme ad AN al neonato Popolo della Libertà, venendo nominato nella Direzione nazionale dello stesso, (il più importante organismo dopo l’Ufficio di Presidenza composto da Ministri e Presidenti Regione del PdL), tra i 90 componenti del nuovo partito.

Si ripresenta alle elezioni europee del 2009 con il Popolo della Libertà come vice capolista dopo Silvio Berlusconi nella Circoscrizione Sud e viene rieletto con oltre 92.000 preferenze, aderendo poi al Gruppo del Partito Popolare Europeo. Nel PE è membro della Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare e membro sostituto della Commissione per i trasporti e il turismo.

È stato inoltre vicepresidente Regionale dell’ANCI-Puglia, direttore politico del settimanale I moderati e del bisettimanale Puglia d’Oggi, fondato negli anni sessanta dal fratello Pinuccio, responsabile per le celebrazioni per il ventennale della scomparsa di Giorgio Almirante, storico leader del MSI.

Resta eurodeputato fino al 2014. Decide di lasciare le elezioni, ma non la politica e l’impegno civico, dedicandosi, senza risparmiarsi, alla Fondazione Giuseppe Tatarella, da lui fondata e animata, lasciando un segno importante nella vita culturale della Città di Bari e della Puglia grazie alle numerosissime iniziative.

Qualche ora prima di morire riceve il Premio di Cerignolano 2016 dell’anno, un tributo alla sua storia e al suo amore per la sua Città di origine.
... Mostra tuttoMostra meno

Salvatore Tatarella, nato a Cerignola l’11 ottobre del 1947 e scomparso a Bari il 28 gennaio 2017. Avvocato, è stato consigliere comunale, provinciale, regionale, Sindaco, deputato nazionale e parlamentare europeo per 15 anni.

Sin da giovanissimo entra nella organizzazione giovanile della destra italiana, il Fronte della Gioventù, di cui sarà Coordinatore regionale e componente dell’esecutivo nazionale

Esponente del Movimento Sociale Italiano – Destra Nazionale, membro del comitato centrale e della direzione nazionale.

Eletto consigliere comunale di Cerignola ininterrottamente dal 1970 sino alla sua elezione a Sindaco nel 93 fino al 99. Assessore alla Programmazione dal 2004 al 2005. Consigliere comunale dal 2005 al 2009. 34 anni in dedicati alla sua Città. (dal 99 al 2004 è stato consigliere e Vice Sindaco di Bari).

Consigliere provinciale di Foggia con il MSI-DN dal 1980 al 1985.

Viene eletto consigliere regionale della Puglia per il MSI nel 1990 e resterà incarica fino al 1994, dopo essere proclamato Sindaco della sua città.

È stato sindaco stimatissimo della “rossa” Cerignola, terra del fondatore della CGIL Giuseppe Di Vittorio, dal 1993 al 1999. La prima volta, il 5 dicembre del 1993, la sua elezione fu considerata una vera impresa che attirò media nazionali e internazionali, la seconda con un vero plebiscito. Ha lasciato un segno tangibile di buona amministrazione ancora oggi da tutti ricordato come il migliore Sindaco della storia di Cerignola.

Nel giugno del 1994 viene eletto deputato al Parlamento europeo con circa 150.000 preferenze. Dal 1995 è componente della direzione nazionale di Alleanza Nazionale.

Si dimette dall’Europarlamento per candidarsi alle suppletive della Camera dei Deputati del 1999 di Bari, nella circoscrizione rimasta vacante per la morte del fratello Pinuccio. Viene quindi eletto deputato per il Polo per le Libertà e dal 1999 è anche Coordinatore regionale del partito in Puglia.

Nel 1999 viene eletto consigliere comunale di Bari e dal 2003 al 2004 è Vice Sindaco del Capoluogo di Regione.

Nel 2004 viene rieletto deputato al Parlamento europeo con la lista di Alleanza Nazionale nella circoscrizione sud con oltre 52.000 preferenze. Iscritto al gruppo parlamentare Unione per l’Europa delle Nazioni, è stato membro della Delegazione alla commissione parlamentare mista UE-Romania, della Delegazione per le relazioni con i paesi dell’Europa sudorientale, della Delegazione all’Assemblea parlamentare Euromediterranea.

Nel 2009 aderisce insieme ad AN al neonato Popolo della Libertà, venendo nominato nella Direzione nazionale dello stesso, (il più importante organismo dopo l’Ufficio di Presidenza composto da Ministri e Presidenti Regione del PdL), tra i 90 componenti del nuovo partito.

Si ripresenta alle elezioni europee del 2009 con il Popolo della Libertà come vice capolista dopo Silvio Berlusconi nella Circoscrizione Sud e viene rieletto con oltre 92.000 preferenze, aderendo poi al Gruppo del Partito Popolare Europeo. Nel PE è membro della Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare e membro sostituto della Commissione per i trasporti e il turismo.

È stato inoltre vicepresidente Regionale dell’ANCI-Puglia, direttore politico del settimanale I moderati e del bisettimanale Puglia d’Oggi, fondato negli anni sessanta dal fratello Pinuccio, responsabile per le celebrazioni per il ventennale della scomparsa di Giorgio Almirante, storico leader del MSI.

Resta eurodeputato fino al 2014. Decide di lasciare le elezioni, ma non la politica e l’impegno civico, dedicandosi, senza risparmiarsi, alla Fondazione Giuseppe Tatarella, da lui fondata e animata, lasciando un segno importante nella vita culturale della Città di Bari e della Puglia grazie alle numerosissime iniziative.

Qualche ora prima di morire riceve il Premio di Cerignolano 2016 dell’anno, un tributo alla sua storia e al suo amore per la sua Città di origine.

Comment on Facebook

GRANDE UOMO ECCELLENTE POLITICO PERSONA ECCEZIONALE un galantuomo ❤❤

Salvatore, ti voglio bene.. AFFETTO Grazie. Ma, dicono che sei morto.. Tutti parliamo.. Sei Vivo in mezzo a noi.. Grazie Pasquale Piemontese mattinata

Grandissimo Uomo un Sindaco eccezionale...

Lo ricordo con immutato affettetto Salvatore. RIP

Big Respect!

❤️👏❤️👏🌟❤️👏❤️💯🌟🏆❤️🥇

Una personalità straordinaria. Ho avuto il privilegio di coltivare un'amicizia vera, durata cinquant'anni. Anche nelle divergenze la stima non è mai venuta meno. Onore ad un galantuomo. 🙏

Onorato di averlo conosciuto

Grande uomo

Eccezionale uomo politico ora più che mai avevano bisogno di consigliarsi con lui per le strategie per poter portare il CD alla Puglia

Grazie alle sue insistenze tornai a lavorare al gruppo consiliare in Regione. Ho un piacevole ricordo di quel periodo trascorso a stretto contatto con Lui per il suo modo di lavorare molto diverso, a dire il vero, da quello di Pinuccio. Per non parlare del gran lavoro per la campagna elettorale che lo portò a conquistare la "rossa" Cerignola, città alla quale sono legato per tanti motivi affettivi.

Ciao Salvatore per me sei stato un fratello. Tante battaglie politiche fatte insieme e la bellissima soddisfazione di quando giunse in federazione la telefonata dalla Prefettura che eri stato eletto Sindaco di Cerignola. Amico mio ti porto sempre nel cuore.

Ti ricordo sempre Salvatore, fummo nella stessa lista civica per le comunali di Cerignola quando fosti eletto alla prima carica politica: era il 1970 ! Tu per la componente MSI io per la monarchica.

Ciao Salvatore.Abbiamo vissuto momenti non facili della Destra Politica,raggiungendo importanti risultati . . Sei stato un Protagonista, che continua ad essere presente...

27 Gennaio, 2020

Ricordiamo nel giorno della sua scomparsa il fondatore e animatore della Fondazione Tatarella con una intervista del 2013. Salvatore Tatarella minuto 1.56 #anniversario #ciaosalvatore ❤️🇮🇹Nel programma attività sociali 2013/2014 , la Fondazione intitolata Giuseppe tatarella ha allestito un programma poliedrico. I cardini valoriali di questo pr... ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

27 Gennaio, 2020

E' online sulla pagina facebook della Fondazione Tatarella e sul sito www.fondazionegiuseppetatarella.it il documetario sulla storia di Alleanza Nazionale. ... Mostra tuttoMostra meno

E online sulla pagina facebook della Fondazione Tatarella e sul sito www.fondazionegiuseppetatarella.it  il documetario sulla storia di Alleanza Nazionale.

27 Gennaio, 2020

Nel marzo 2009 Alleanza Nazionale delibera l'adesione al Popolo delle libertà, il partito unico di centrodestra. Storici, giornalisti, scrittori commentano q... ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

27 Gennaio, 2020

Capitolo 11 del Documentario web "Vent'ANni", sulla storia di Alleanza Nazionale a venti anni dalla svolta di Fiuggi. Il titolo è "Il male assoluto", riperco... ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

27 Gennaio, 2020

youtube.com ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

27 Gennaio, 2020

Alle elezioni europee del 1999 Alleanza Nazionale si presentò in un inedito duetto elettorale con il Patto Segni. La lista prese in prestito il simbolo dell'... ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

27 Gennaio, 2020

Capitolo 8 del Documentario web sulla storia di Alleanza Nazionale a vent'anni dalla svolta di Fiuggi. Puntata dedicata alla figura e al ruolo di Pinuccio Ta... ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

27 Gennaio, 2020

Capitolo 7 del documentario web "Vent'Anni" promosso dalla Fondazione An sulla storia di Alleanza Nazionale a vent'anni dalla svolta di Fiuggi. Titolo: "Non ... ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

27 Gennaio, 2020

Capitolo numero 6 del Documentario web "Vent'ANni" sulla storia della destra italiana a vent'anni dalla svolta di Fiuggi. Titolo: "Lo sdoganamento". Intellet... ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

27 Gennaio, 2020

Se c'è una data storica nel processo evolutivo della destra politica italiana, questa è il 27 marzo 1994. Dopo quasi quarant'anni, il Movimento sociale itali... ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

27 Gennaio, 2020

"Il prequel 1992-1994". Capitolo numero 4 del documentario web "Vent'ANni", promosso dalla Fondazione Alleanza Nazionale a venti anni di distanza dalla svolt... ... Mostra tuttoMostra meno

Video image

Comment on Facebook

27 Gennaio, 2020

youtube.com ... Mostra tuttoMostra meno

Video image